Comunicato Stampa

Filed Under: Articoli in Home, Comunicati Stampa    by: admin
“Nonostante il viaggio sia stato organizzato in anticipo e nonostante avessimo comunicato a chi di dovere lo spostamento, mia moglie è rimasta senza scorta all’aeroporto di Milano, aspettando una ‘soluzione’ per oltre quattro ore”. A denunciarlo è il testimone di giustizia di Bivona (Agrigento), Ignazio Cutrò, che ha presentato una denuncia alla polizia su quanto accaduto alcuni giorni fa alla moglie. “Mia moglie, così come i miei figli, dispone di un dispositivo di protezione. All’arrivo a Milano per andare a fare una visita medica, però, c’era soltanto un’autovettura per mia figlia. Mia moglie, invece, ha dovuto attendere tutta la mattinata, per poi comunque non trovare alcuna soluzione”. Secondo quanto raccontato dal presidente dell’associazione nazionale “Testimoni di giustizia”, al terminal di Linate sarebbe anche giunta una seconda auto del servizio scorte dell’Arma dei carabinieri, che ha però dato il cambio al turno della scorta assegnata alla figlia. “Ci sentiamo trattati con i piedi, non è giusto che la mia famiglia è costretta a vivere questi soprusi. Non siamo più in condizioni di sopportare continue e reiterate dimenticanze. Se la vicenda continuerà, chiederò l’esclusione dal servizio di protezione. E se succederà qualcosa a me o ai miei familiari, la responsabilità sarà di chi ci sta trattando come cani”. Ignazio Cutrò si rivolge poi al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, al quale chiede un intervento per mettere fine ai continui disagi che condizionano la vita del testimone e della sua famiglia.
Diritti riservati a www.ignaziocutro.com Contattaci a: info@ignaziocutro.com