Giornale di Sicilia del 30/10/2009

Filed Under: Articoli di Giornale, Articoli in Home    by: admin

301030101 30102

Ecco perchè ci dobbiamo ribellare . . . . . . . . .

Filed Under: Articoli in Home    by: admin
Per chi sceglie di alzare la testa, di dire no al ricatto dei vigliacchi mafiosi, ogni giorno è una battaglia. E nelle battaglie, si sa, non c’è posto per le cravatte, per le giacche, per i colletti inamidati. Nella battaglie si suda, si ci sporca, si vince e si perde. A volte mi viene da pensare però che per qualcuno questa lotta è solo una questione formale, burocratica, quasi esclusivamente legata all’aspetto della diplomazia.
Ma mentre qualcuno parla, altri lavorano, rischiano, si rimboccano le maniche per aiutare chi ancora non ha trovato la forza di risollevarsi, trovando per altri la speranza che a volte trovi morta nel cuore. Ormai dell’antiracket esistono dei professionisti, che sanno in modo garbato porgere le questioni sui tavoli importanti, ma che poi voltano le spalle a chi li cerca per essere sostenuto.

E a volte, quando chi cerchi di aiutare ti guarda e pensa con paura che potrebbe passare i guai che stai passando tu, ti viene da gridare, perchè sai quello che vuoi ma non sai come ottenerlo, e senti che più cerchi di uscire fuori da questo imbuto di sabbia più sabbia ti cade addosso cercando di schiacciarti.

Non se a voi è mai capitato che vi viene a trovare un padre di famiglia (ricordiamoci sempre che dietro un commerciante c’è un padre di famiglia) e vi dice << Gnà aiutami, sugnu sulu e disperatu>>. con gli occhi pieni di lacrime e la voce soffocata dalla disperazione. La lotta alla mafia è una cosa seria neanche io, che la sto vivendo in prima persona a volte so dare risposte. Secondo il mio piccolo parere basterebbe stare più vicino alle persone che hanno avuto il coraggio di dire no al racket, incontrare quelle persone e capire i loro problemi. Ricordiamoci che la lotta alla mafia è una lotta di tutti, non è un problema solo per chi lotta instancabilmente come i carabinieri, polizia, guardia di finanza, magistratura, prefettura, giornalisti ecc. , principalmente è un problema nostro, si nostro dei semplici cittadini, dobbiamo ribellarci a massa a questo cancro. Voglio concludere facendo una domanda a voi: << Quando tornate a casa, avete il coraggio di guardare i vostri figli negli occhi e dire io non pago?>>.

Cittadinanzattiva premia Ignazio Cutrò

Filed Under: Articoli in Home    by: admin

Giornale di Sicilia del 20/10/2009

Filed Under: Articoli di Giornale, Articoli in Home    by: admin

2010

Manifestazione Fondi

Filed Under: Articoli in Home    by: admin

Clicca qui

Diritti riservati a www.ignaziocutro.com Contattaci a: info@ignaziocutro.com