Giornale di Sicilia: Fondo vittime del racket Si per il bivonese Cutrò

Filed Under: Articoli di Giornale, Articoli in Home    by: admin

Giornale di Sicilia del 29/11/2008

 

Non avevo dubbi, poichè credo nelle istituzioni.

Filed Under: Articoli in Home    by: admin

Oggi ho ricevuto la felice notizia che la mia pratica per l’accesso al fondo delle vittime della mafia e del racket è stata deliberata giorno 25/11/2008, riceverò subito un integrazione del 50% come da legge e la rimanente parte fra qualche mese. E’ un segnale fortissimo per me da parte dello stato, cari colleghi chiunque voi siate, commercianti, artigiani, imprenditori, ricordatevi che le istituzioni sono presenti e pronte ad aiutare sempre coloro che sono oppressi dalle associazioni mafiose. Caro imprenditore ricordiamo che il vero nemico non è lo stato, come vi avevo detto, non mollerò facilmente questa presa. Una parte di questi soldi la destinerò in questa lotta giusta per la lotta alla mafia e contro il racket delle estorsioni, per cercare di sensibilizzare chi soffre in silenzio. Una persona anche se sta soffrendo o sta lottando, deve sempre prendere il lato positivo degli eventi. Ho incontrato tante persone, ma come Sua Eccellenza il Prefetto Umberto Postiglione non mi era mai successo;  Lui è sempre lì pronto a tendere la mano a chi gli chiede aiuto. Ti assicuro che non sarai trattato come una pratica con un numero sopra, è una persona che ha il cuore al posto giusto che si fa carico delle proprie responsabilità. E’ una persona semplice e disponibile, questo ve lo posso testimoniare io stesso. Mi ha dedicato tanto del suo tempo libero per darmi coraggio in questa lotta giusta; la sua grande porta dell’ufficio che entrando ti fa sentire piccolo è sempre aperta per aiutarti, mi ha fatto sentire in una famiglia, è come avere un fratello maggiore. Ogni volta che ci incontriamo la prima cosa che mi dice è: “zù gnà” tutto a posto?

Il consiglio che vi posso dare è provare per credere.

La Vita in Diretta

Filed Under: Articoli di Giornale, Articoli in Home    by: admin

Ignazio Cutrò rilascia intervista alla troupe della RAI, la Vita in Diretta.

Ecco l’articolo di stamattina sul Giornale di Sicilia

D.U.R.C.

Filed Under: Articoli in Home    by: admin

Eccolo qua, guardatelo, questo è il DURC;

è giusto che ci sia un documento che controlli la regolarità contributiva delle imprese, ma quando un’impresa lavori nelle normali circostanze come è giusto che dovrebbe essere, massima tranquillità economica; ma quando un’azienda si trova ad essere bersagliata da atti intimidatori pur volendo non potrà mai essere in regola, perché subendo dei danni si cercherà di fare sopravvivere la propria famiglia e poi la propria azienda. Come amo dire, dopo il danno la beffa, perché un padre di famiglia deve lottare pure contro la burocrazia che in questi casi è distruttiva o addirittura micidiale. Secondo me il sogno di qualsiasi imprenditore è quello di cercare di far ingrandire la propria azienda e di riuscire a pagare le tasse onestamente, però non potendole pagare non si potrà più lavorare, incassare eventuali somme da privati o enti pubblici. Non tutti riescono a risollevare la propria azienda perché magari le circostanze dettano le regole, mi rivolgo con molta umiltà ai legislatori o a chi ha la possibilità di modificare le leggi per non farci soffrire o magari umiliarci più di tanto, non vogliamo essere avvantaggiati, ma solo avere una vita lavorativa normale. Come tutti sappiamo il lavoro nobilita l’uomo e sicuramente fa vivere la propria famiglia più dignitosamente.

Solidarietà a Giuseppe Catanzaro, Presidente Confindustria Agrigento

Filed Under: Articoli in Home    by: admin
Da Comunicalo.it :Cutrò, solidarietà a Catanzaro per le intimidazioni: “Presidente andiamo avanti a schiena dritta” PDF Stampa E-mail

Di ComuniC@lo, sabato 15 novembre 2008

Pubblicato in : Cronaca, Agrigento e Provincia

http://www.comunicalo.it/images/personaggi/cutr%F2%20gnazio.jpg“Come mi dici tu caro presidente Catanzaro, dobbiamo sempre combattere contro il racket, non abbandonare e non piegarci mai alle intimidazioni e alle minacce, dobbiamo continuare nella nostra lotta quotidiana cercando di invogliare gli altri imprenditori che soffrono in silenzio”.

Così Ignazio Cutrò, l’imprenditore di Bivona colpito più volte da pesanti intimidazioni e che recentemente ha chiesto aiuto allo Stato, esprime “tantissima solidarietà a Giuseppe Catanzaro, presidente di Confindustria Agrigento, per i nuovi atti intimidatori subiti”.

http://www.narcomafie.it/articoli_2007/immagini/art3_12_2007.jpg“Nel mio piccolo – dice Cutrò – voglio stare vicino anche io a Giuseppe Catanzaro, dandogli sostegno come lui ha fatto quando ne avevo bisogno io, e agli altri imprenditori agrigentini. Da sempre nella mia lotta – ricorda Cutrò – ho avuto il sostegno di quest’uomo. Catanzaro mi è sempre stato vicino incoraggiandomi e dicendomi che combattiamo contro lo stesso nemico. Seppur subendo questi gravi atti intimidatori – dice Cutrò – dobbiamo mostrare più coraggio perché diversamente, abbassando un po’ la cresta, può essere segno di sconfitta e dargliela per vinta in parte. Forza e coraggio presidente Catanzaro”.
Diritti riservati a www.ignaziocutro.com Contattaci a: info@ignaziocutro.com